Nelle giornate di martedì 25 e mercoledì 26 Settembre si sono svolti i primi due focus group del progetto HiReach che hanno coinvolto i cittadini dell’area interna del Sud Salento – Capo di Leuca, una delle 6 aree di studio europee in cui si stanno analizzando problematiche e soluzioni di mobilità inclusiva. Gli incontri, organizzati da TRT Trasporti e Territorio con la collaborazione dell’associazione Città Fertile e supportati dalle amministrazioni locali, si sono tenuti presso il Palazzo Romano di Patù e l’ex tabacchificio Acait di Tricase, in provincia di Lecce. 

Lo scopo di questo primo ciclo di focus group, cui ne seguirà un secondo nella primavera del 2019, è stato quello di far emergere i principali  bisogni e le problematiche legate alle necessità di spostamento di due specifici gruppi sociali vulnerabili: le persone con ridotta capacità motoria e le donne. L’incontro di Patù ha visto la presenza di 15 cittadini con mobilità ridotta (permanente o temporanea) e 10 donne mentre a Tricase vi hanno preso parte rispettivamente 13 e 7 partecipanti dei due gruppi.

Per coloro che devono muoversi in carrozzina o che presentano difficoltà di deambulazione è il cosiddetto “ultimo miglio” a rappresentare la barriera principale: il tratto da compiere, ad esempio, dal parcheggio a loro riservato fino alla destinazione finale o al luogo di residenza. La disabilità è ancora vista come un argomento scomodo da affrontare in termini di politiche pubbliche perché necessita di interventi concreti. Inoltre, le amministrazioni sono ancora lontane dall’adottare un approccio comune e molti partecipanti hanno lamentato il rischio di isolamento sociale. Anche i servizi di trasporto pubblico sono totalmente inadeguati in questo senso.

Criticità riscontrate anche dalle partecipanti donne che farebbero volentieri a meno dell’auto per muoversi se solo disponessero di alternative valide quali trasporti collettivi e percorsi sicuri a piedi o in bici. Servizi che aiuterebbero anche la mobilità dei propri figli in autonomia e la cui assenza, attualmente, rende difficoltoso bilanciare vita lavorativa e familiare.

Entrambi i gruppi e tutti i cittadini e le cittadine coinvolte hanno dimostrato un elevato livello di conoscenza e approfondimento delle tematiche discusse, soprattutto rispetto ai limiti del sistema di mobilità attuale. Da questi primi riscontri, le comunità del Sud Salento confermano una propensione all’utilizzo di mezzi più sostenibili quali trasporto pubblico e servizi di mobilità condivisa.  

Date: 
Tuesday, January 8, 2019

Focus groups coi cittadini - Settembre 2018

News

Share this project

Add new comment

logo_inverse

is loading the page...