AREA INTERNA DEL SUD SALENTO

Cos’è HiReach

HiReach è un progetto europeo  della durata di 3 anni (ottobre 2017- settembre 2020), finanziato nell’ambito di Horizon 2020, il programma quadro europeo per la ricerca e l’innovazione.

HiReach si prefigge di sviluppare nuovi strumenti e modelli di business per migliorare l’accessibilità e il trasporto pubblico in contesti territoriali ritenuti “prioritari” quali aree rurali, periurbane, periferie cittadine e aree svantaggiate. L’obiettivo è quello di aggregare e ottimizzare richieste di spostamento particolari, diversificate e geograficamente disperse in modo da favorire forme di mobilità più inclusive e partecipate dalle comunità locali. Per farlo, HiReach si basa sulle esigenze e sul coinvolgimento diretto dei gruppi sociali più vulnerabili quali 

  • Persone con ridotta mobilità (temporanea o permanente)
  • Bambini e giovani
  • Anziani
  • Donne
  • Minoranze etniche e migranti
  • Persone a basso reddito o disoccupate
  • Persone residenti in aree rurali o deprivate

HiReach si prefigge in particolare di:

  • Esplorare nuovi modelli di business per servizi di mobilità su piccola scala, modulari e facilmente replicabili, offerti a prezzi contenuti o implementabili attraverso sussidi pubblici minimi;
  • Facilitare processi d’innovazione sociale attraverso un’approfondita micro-analisi dei comportamenti di mobilità, delle esigenze di spostamento e delle abitudini dei diversi gruppi sociali favorendo al tempo stesso il loro coinvolgimento diretto come utenti e  fornitori delle soluzioni proposte;
  • Esplorare e testare nuove soluzioni basate sul lavoro creativo di start-up, imprese innovative e comunità locali;
  • Fornire strumenti informatici open-source, supporto e assistenza agli sviluppatori cosi come opportunità e luoghi fisici per testare nuove soluzioni di mobilità inclusiva.

HiReach sul campo

Il progetto coinvolge comunità e istituzioni locali di 7 aree di studio europee: le municipalità di Guarda e Torres Vedras (Portogallo), Buzau (Romania), il distretto di Naxos (Grecia), la regione del Baden-Württemberg (Germania), alcune zone del Lussemburgo e l’area interna Sud Salento –Capo di Leuca in Italia.

In ciascuna di queste aree sono previste attività di confronto e analisi dei bisogni di mobilità che coinvolgeranno enti locali, imprese di trasporto e cittadini appartenenti a gruppi sociali vulnerabili. Verranno organizzati alcuni focus group e condotte interviste con i principali attori locali e portatori di interesse.

 

HiReach nell’Area Interna del Sud Salento

Il "Sud Salento - Capo di Leuca" è una delle aree pugliesi incluse nella Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI)

Si tratta di un gruppo di 14 comuni della provincia di Lecce (Acquarica del Capo, Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano, Miggiano, Montesano Salentino, Morciano, Patù, Presicce, Taurisano, Salve, Specchia, Tiggiano) ai quali si aggiungono anche i comuni di Tricase, Ruffano, Casarano e Ugento quali principali “centri di offerta di servizi”. Il capofila dell’area interna è il Comune di Tiggiano.

Nell’area interna salentina risiedono circa 68.000 abitanti che diventano 128.000 considerando anche i quattro centri principali e dunque l’area strategia nell’ambito della quale verranno a strutturarsi le diverse politiche e azioni di rilancio socio-economico.

Si tratta di un’area periurbana periferica costituita da piccoli nuclei storici compatti equidistanti tra loro e collocati nell’estremo sud est italiano. Un’area la cui economia si basava sul cosiddetto distretto del TAC ( tessile, abbigliamento, calzaturiero) ora quasi scomparso a causa della concorrenza globale di aree con più bassi costi del lavoro mentre sono in forte ascesa i settori legati al turismo e alla cultura.

Il Sud Salento è considerato un’area con alto e medio-alto rischio di vulnerabilità sociale e materiale secondo alcuni indicatori ISTAT. Oltre a presentare alti tassi di disoccupazione, specialmente per donne (dal 16 al 31% nei diversi Comuni) e giovani (dal 23 al 52%), consistente è pure la quota di  popolazione anziana sola (dal 22 a 30%) e la presenza di minoranze etniche (dal 10 al 20% della popolazione totale.)

La grande maggioranza degli spostamenti attuali sono effettuati con mezzi di trasporto privati (dal 61 al 66%). L’offerta di servizi di trasporto pubblico risulta molto limitata, spesso strutturata solo per le esigenze di mobilità scolastica e con numerose sovrapposizioni di linee. L’area, distante circa 80 km dal capoluogo provinciale, è servita dalla rete ferroviaria delle Ferrovie del Sud Est (FSE) mentre nel solo periodo estivo il servizio “Salentoinbus” garantisce collegamenti diretti verso tutta la fascia costiera.

La strategia intende puntare con particolare determinazione sulla modificazione del sistema della mobilità quale fondamentale leva di sviluppo economico e sociale, non solo rimuovendone le criticità ma connotando reti e servizi per la mobilità delle persone e delle merci per elevati livelli di servizio, integrazione, innovazione e flessibilità.

 

Gli enti coinvolti

Regione Puglia
Dipartimento Mobilità, Qualità urbana, opere pubbliche, Ecologia e Paesaggio

Comune di Tiggiano (capofila)

 

Contattaci

Cosimo Chiffi
TRT Trasporti e Territorio
Chiffi@trt.it

Andrea Selan
TRT Trasporti e Territorio
Selan@trt.it

logo_inverse

is loading the page...